Richiesta di rimborso del canone TV

Richiesta di rimborso del canone TV

Documenti e link utili

Il titolare del contratto di fornitura di energia elettrica può chiedere il rimborso del canone TV inserito mediante addebito sulle fatture per energia elettrica, nel caso in cui il canone sia stato pagato indebitamente.

L’istanza può essere presentata in via telematica nel caso si manifesti una delle seguenti condizioni:

  1. Il richiedente ha compiuto il 75° anno di età con reddito complessivo familiare non superiore a 6.713,98 euro
  2. Il richiedente o un altro componente della sua famiglia è esente per effetto di convenzioni internazionali (ad esempio, diplomatici e militari stranieri)
  3. Il richiedente o un membro della famiglia ha pagato inavvertitamente due volte l’importo mediante due modalità diverse (ad esempio mediante addebito sulla pensione e nella bolletta dell’energia elettrica) oppure tramite due contratti per l’energia elettrica intestati a due familiari diversi.
  4. Il richiedente ha presentato la dichiarazione di non detenzione di apparecchi televisivi da parte propria e dei componenti della sua famiglia anagrafica.

È infine possibile indicare una motivazione diversa dalle precedenti, riassumendo sinteticamente il motivo della richiesta nell’apposito spazio del modello.

I rimborsi sono effettuati dalle imprese elettriche usualmente mediante accredito sulla prima fattura utile.

Per essere seguiti in questa procedura o per informazioni più dettagliate il nostro studio rimane a disposizione via mail all’indirizzo amarugistudiolegale@gmail.com o attraverso il nostro recapito telefonico: 0564 414437.